Una recensione di Marco Furia su “L’attenzione” in larecherche.it, 7/6/19

Un attento invito
di Marco Furia

“L’attenzione” di Angelo Andreotti, si mostra raccolta i cui versi, piani, precisi ed eleganti, tendono a mostrare una percorribile via.
In quale luogo conduce simile via, quali territori attraversa?
Spetta al lettore rispondere: il poeta, da parte sua, con risoluta assiduità, composizione dopo composizione, si mostra in cammino.
Ciò che conta è il percorso?
Certo, ma non soltanto, poiché l’autore segue una direzione la cui meta può essere la nostra.
Si legge a pagina 13

“Con passo paziente
tu cerchi l’ombra nel primo chiarore
che sfugge tra le gambe dell’aurora”

e, a pagina 16

“Dall’oblio vai togliendo parole
di cui avverti quel senso lontano
che non sai”.

Disegnare un itinerario in regioni in cui “ombra” e “chiarore” non paiono ben definiti e in cui le “parole” si riferiscono a un “senso lontano” parrebbe impossibile: tuttavia, quel “senso lontano / che non sai” c’è e il tentativo è quello di riuscire a saperlo.
A pagina 31, la pronuncia

“Di te il te stesso estraneo in te ritorna
e non sai quanta vita ti porta”

mostra un inedito rispecchiamento capace di promuovere feconde riflessioni: per riuscire a vederci davvero non occorre forse considerarci anche come estranei?
Dare a noi stessi e agli altri una consapevole (non definitiva) immagine del nostro vivere è impresa ardua: soltanto promuovendo, come ritengo suggerisca Angelo, un’attenta considerazione del nostro esistere saremo in grado di scoprire che la duplicità io/mondo può essere composta in una coscienza ulteriore.
Non a caso, a pagina 38 si leggono versi

“In fondo all’anima qualcuno canta
mettendo in metrica la cavità
di questo piccolo mondo che è il nostro”.

D’altra parte

“ma un passo dopo l’altro ti avvicina
a quella meta che con te si muove”.

La “meta” si muove assieme a noi perché è anche parte di noi che ne possiamo parlare.
E se

“tanto pensosamente un tempo chino
sembra tornare sui suoi passi”

non dobbiamo meravigliarci (o, peggio, preoccuparci): anche il tempo è nostro, cammina con noi assieme a tutto il resto.
Riusciremo, alla fine, a riconoscerci in questa universale, poetica, connessione?
È da augurarselo.
E “L’attenzione”, con le sue originali cadenze, aperte nella loro esattezza,  sarà di assiduo aiuto lungo un cammino proposto eppure, in qualche modo, già nostro: è tipico del vero poeta riferirsi con peculiari parole alla vita propria e a quella di tutti?
Sì e Angelo mostra di saperlo bene.

L’originale a questo link : https://www.larecherche.it/testi.asp?Tabella=Recensioni