Bibliografia

La faretra di Zenone

La faretra di Zenone, 2008


Angelo Andreotti: "La faretra di Zenone", Corbo, 2008 La faretra di Zenone è un libro dall’impostazione originale e azzardata, dove poesia e prosa si danno la voce cercando di rinforzarsi attraverso le peculiarità delle loro differenti tavolozze espressive. Ne risulta una composizione leggera nella forma ma densa nei contenuti, incalzata da un ritmo serrato che alla fine rivela al lettore la sua realtà di lungo…
Read More »
A tempo e luogo

A tempo e luogo, 2016


Angelo Andreotti: "A tempo e luogo", 2016 A tempo e luogo è uno dei modi per tradurre il greco kairos, cioè quel tempo in cui le cose accadono quando è giunto il loro momento, ma che cogliamo soltanto se abbiamo pazienza e cura per ciò che ci circonda. È il motivo per cui questi versi dicono con serena comprensione, e insieme attenzione e considerazione,…
Read More »

Il guardante e il guardato, 2015


Angelo Andreotti: "Il guardante e il guardato", Booksalad, 2015 “Il guardante e il guardato è un libro che ci consente di seguire un doppio movimento: il sopraggiungere della cecità esteriore e l’avvento di uno sguardo interiore. [...] In questo libro – articolato in diciannove narrazioni – siamo invitati a intraprendere un cammino che si manifesta attraverso lo smarrimento. Ciascuno di noi sarà destinato a fare…
Read More »
i silenzio non è detto

Il silenzio non è detto, 2014


Angelo Andreotti: "Il silenzio non è detto. Frammenti da una poetica", Mimesis, 2014 Questo è un taccuino, un taqwīn, che in arabo significa “corretta disposizione, ordine giusto”. E l’ordine di questo taccuino è la scrittura stessa nel tempo del suo disporsi lungo le righe, ma mano che accade e manifesta un senso. È così anche un luogo dove appoggiare una…
Read More »

Dell’ombra la luce, 2014


Angelo Andreotti: "Dell’ombra la luce,", 2014 Dell’ombra la luce è un canto d’amore. Tra Eros e Psyche e tra chi sennò? Tra chi vorrebbe sapere e chi è tentato nel preservare della prima sostanza l’arcano. Per rendere l’amplesso sempre un sogno d’amore. Per ricominciarlo daccapo, senza più le domande scomode che turbano quell’annebbiamento la cui complicità rallegra gli amanti. È…
Read More »
Parole come dita

Parole come dita, 2011


[/vc_tta_section]E ci sono tramonti senza sole con nubi e luce gialla a sbattere sul grano divampato da un orizzonte viola lancinante. E lì il giorno va tacendo, nella saggezza attenta di quell’olmo che il paesaggio in sé orienta senz’alcun gesto ma sola presenza, compiutamente incluso, e in disparte. Pensieri come voli molto più in alto aleggiano tardivi lenti di un…

Read More »

Nel verso della vita, 2010


Angelo Andreotti: "nel verso della vita", Este, 2010 “Se anche il titolo – Nel verso della vita – con la sua allusiva ambiguità e la sua polivalenza semantica, con la sua struttura metrica dell’accentazione pariniana e con i suoi richiami letterari, appartiene ad un discorso poetico, non è azzardato supporre che i versi in cui stiamo per addentrarci rispondano ad un’idea di poesia fondata…
Read More »
Porto Palos

Porto Palos, 2006


Angelo Andreotti: "Porto Palos", Book, 2006 “Porto Palos raccoglie l’essenza di una parola in equilibrio tra intelligenza e epifania del sentimento, dove la narrazione si incontra con la poesia e la musica del pensiero. Se è vero che il senso del viaggio non può esistere senza l’idea dell’approdo, in questo percorso – che è anche un insolito e prezioso esempio…
Read More »
polaroid

Polaroid, 1999


Lui avanza in quella camera dove la penombra attutisce le forme, le attende per azzittirle. Qualche passo, poi si gira verso l'infermiera e accenna con la testa a un ringraziamento che vuole anche accomiatarla. Lei ha lo stesso sguardo sorridente che lo ha accompagnano fin dentro la stanza, quando esce socchiudendo la porta. Lui torna indietro, perché l'idea di una…
Read More »